Vacanze nel Lazio - ItaliaGuida

Il chiostro di San Francesco e la piccola chiesa di S. Rufo

Il Chiostro di San Francesco, RietiSan Francesco: la piccola chiesa del borgo, che affaccia sull'omonima piazza, fu eretta nel XIII secolo dai francescani in stile gotico - romano con una facciata a frontone molto semplice, in pietra, dotata di un portone a strombatura sollevato da terra da sette gradini in travertino, incorniciato da alcune colonnine sui lati, che si raccordano con gli archetti della lunetta posta immediatamente sopra il portale in legno di forma rettangolare e di un piccolo rosone. All'interno la chiesa si presenta con tre navate, una centrale e due laterali più piccole.

La copertura era costituita originariamente da una volta barocca la quale sfortunatamente crollò a seguito di un terremoto nel 1898 ed oggi, al suo posto, è visibile una struttura a capriate. Di fianco alla chiesa vera e propria è situato l'oratorio di San Bernardino.

La chiesa sorge molto vicino al Fiume Velino, questa vicinanza ha posto nel '600, la necessità di alzare di circa due metri il livello del pavimento, per ridurre i danni delle esondazioni del fiume. Essa possiede anche un piccolo chiostro. All'interno di questa chiesa annualmente si svolgono le celebrazioni per il giugno antoniano e da qui parte la Processione di S. Antonio.

 

La piccola chiesa di S. Rufo

La Chiesa di San Rufo, RietiSan Rufo: la chiesa si trova in un posizione estremamente centrale, esattamente sulla piccola piazza S. Rufo nella quale, secondo la tradizione, è collocato il centro d'Italia, l'umbilicus Italiae, come ricorda una targa in pietra che in varie lingue segnala tale particolare. Venne ricostruita nella sua forma attuale nel 1748 e consacrata nel 1760. All'esterno appare con una facciata ottocentesca sulla quale si apre un portale di forma rettangolare privo di elementi particolari, stretto da due lesene ai fianchi e da un timpano in alto sollevato da terra da cinque scalini.

Poco sopra si apre una semplice finestra decorata da una croce su vetro. Anticamente un altro ingresso era posto sul fianco sinistro della struttura, ma venne successivamente murato, e di esso resta solo l'"impronta". L'interno si appare con un'unica navata decorata da stucchi e particolari in legno. Dietro l'altare si colloca una tela che rappresenta L'estasi di San Camillo de Lellis.

Nella controfacciata si pone un piccolo organo settecentesco. In questa chiesa è conservato un dipinto denominato L'Angelo Custode, che in passato fu attribuito al Caravaggio, mentre oggi si ritiene che sia opera di Giovanni Antonio Galli detto lo Spadarino. In epoca contemporanea la piccola chiesa è stata affiancata dal monumento che ricorda la presenza, secondo la tradizione, del centro d'Italia.

La collocazione di questo monumento, che i cittadini hanno ribattezzato come La caciota per la sua forma circolare e bassa che ricorda una forma di formaggio, è stata oggetto di critiche da parte dei Reatini in quanto le sue dimensioni contrastano vicino alla piccola mole della chiesa e nel contesto della ristretta piazzetta.

Santa Scolastica: la sua costruzione inizio nel 1696 e fu consacrata nel 1717. La chiesa è oggi sconsacrata e costituisce l'auditorium Varrone.
San Pietro martire: fu costruita nel 1266 dai Padri Cistercensi. La facciata in conci di travertino delimitata da due lesene è estremamente semplice e l'elemento di maggior rilievo è il portale del 1546, opera di Giacomo da Locarno e Stefano da Como, che presenta sei colonnine in pietra (tre per lato) poggiate ognuna, su uno scudo che raffigura un busto di San Piero e che sostengono un architrave.

Questa portale in origine era collocato nella facciata dell'oratorio di San Pietro martire (chiesa di San Domenico) e fu spostato nel 1576 nella sua posizione attuale.

Santuari francescani: la valle su cui sorge Rieti è denominata anche Valle Santa. Questo principalmente per il legame con la figura di S. Francesco d'Assisi, che vi soggiornò per alcuni anni lasciando ai suoi margini quattro santuari disposti a croce: La Foresta, Poggio Bustone, Fonte Colombo, Greccio.
 

Alto pagina

Notizie

Le meravigliose zone archeologiche del Lazio: arte e storia

Le aree turistiche più interessanti del Lazio per le tue vacanze

I Luoghi del Lazio riconosciuti Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO

Le tue vacanze nella meravigliosa città di Frosinone

Vacanza nella meravigliosa città di Latina: storia, arte e turismo

Visita nella splendida città di Rieti: luoghi di interesse turistico

Vacanze e villeggiatura a Viterbo: informazioni turistiche e culturali

Visitare la Capitale: ferie e villeggiatura a Roma

Scopri la meravigliosa città di Terracina: informazioni turistiche e culturali

Ricettività in Lazio

Realizzazione siti internet per Turismo

Vacanze nel Lazio - ItaliaGuida c/o Opera Digitale Srl - Via Bargagna N° 60 (Piano 3°) - 56124, Pisa (PI) - Italy
Tel. +39 050 9913648 - Fax +39 050 9913647 - Posta:
Partita IVA: IT01931820508 - Codice fiscale: 01931820508 - Iscrizione REA N° 166732 Pisa - Capitale Sociale: 10.000 euro i.v.